Deep web, la guida alla parte nascosta di internet

Deep web, la guida alla parte nascosta di internet

7 ottobre 2017 0 Di seo staff

Deep Web: il lato oscuro della rete

Non sono in tanti ad aver sentito nominare il deep web, così come non sono in tanti a sapere esattamente di cosa si tratta.

In realtà, fino ad un servizio delle Iene andato in onda nel 2013 e firmato da Matteo Viviani, il lato oscuro di Internet era rimasto celato ai più: un lato oscuro che oggi, invece, è emerso in tutta la sua crudità per via delle tante storie relative a spaccio di droga, armi illegali, pedo-pornografia e quant’altro.

Ma cos’è il deep web, come funziona e perché la regola è non metterci piede, per nulla al mondo?


Cos’è il Deep Web?

Il deep web è quella parte di Internet che raccoglie tutti i siti non indicizzati da Google: i motori di ricerca, di fatto, non sono in grado di captare il 90% della rete, dunque noi oggi abbiamo la possibilità di vedere solo una piccola parte di ciò che viene attualmente ospitato dal web.

Un po’ come avviene con un iceberg sommerso negli oceani. Volendo evitare di entrare in dettagli tecnici troppo noiosi e scarsamente comprensibili, per deep web (o dark web) si intende quella parte di Internet che ospita siti ed e-commerce che violano la legge, che spacciano droga, che vendono armi e che mettono in piedi community che scambiano fotografie e filmati pedo-pornografici.

deep web

deep web

Volendo poi allargare la suddetta cerchia, sul deep web è possibile trovare anche killer a pagamento, filmati disturbanti (detti creepy pasta), community di hacker, siti che inneggiano ad anarchia e terrorismo, presunti file segreti dell’FBI, guide per costruire bombe in casa e quanto di più incredibile si possa pensare.

Ci sono persino quotidiani internazionali che aprono una pagina sul deep web per raccogliere informazioni da fonti anonime: perché il lato oscuro di Internet, almeno teoricamente, garantisce un anonimato pressoché totale.

Deep web, Black death group e il rapimento della modella inglese


Come funziona il Deep Web?

Il deep web funziona in modo molto semplice: al contrario dei comuni siti web, quelli appartenenti al lato oscuro di Internet risiedono in server privati detti TOR, e generalmente hanno un’estensione .onion. Di fatto, è impossibile navigare i suddetti portali in assenza di un software specifico di navigazione (detto anch’esso TOR), il quale rende possibile visualizzare questi siti, come faremmo normalmente.

Ma la questione non è così facile: i siti sul deep web non sono costruiti per essere trovati, non esistono liste affidabili o motori di ricerca, e spesso cambiando indirizzo ogni settimana per depistare le indagini della polizia.

Farci un giro non è consigliabile: sia perché basta un nulla per cadere nelle trappole tese da hacker e malintenzionati, sia perché soddisfare la curiosità senza avere alcun riferimento non è possibile.


Deep Web: la mecca delle attività criminali

Il deep web è attualmente al centro dei pensieri delle forze di polizia di tutto il mondo, Italia compresa: soprattutto per la questione della vendita di droga e per lo scambio delle foto e dei filmini pedo-pornografici. Pur essendo praticamente impossibile risalire agli indirizzi IP di chi vende e di chi compra, anche per via delle transazioni che avvengono tramite BitCoin, ultimamente le forze di intelligence stanno cooperando in modo molto massiccio e proficuo, raggiungendo più di un risultato.

Ad esempio, di recente sono stati oscurati i portali Hansa e AlphaBay: noti e-commerce di spaccio presenti sul deep web. Questo prova che anche il dark web è violabile, e che risalire a chi si macchia di attività illegali su queste sponde è una missione di certo faticosa, ma non impossibile.


Perché non accedere al Deep Web?

Accedere al deep web non è mai consigliabile, dato che si naviga in zone poco sicure e piene di hacker pronti a rubare dati personali e a installare virus molto potenti.

Ad ogni modo, non bisogna mai fare alcun riferimento alla propria identità, né tentare di strappare informazioni sui siti illegali, perché difficilmente si otterrebbe qualcosa, data l’attenzione della polizia in questo periodo.


Chiarimenti e info :

The following two tabs change content below.
seo staff

seo staff

Seo staff, cyber crime legal team