Link tossici : disavow tool o rimozione manuale ?

Link tossici : disavow tool o rimozione manuale ?

12 giugno 2017 3 Di Luca Siano

Link innaturali o tossici e Penguin

Quando Google ha introdotto l’aggiornamento dell’algoritmo Penguin verso la fine del 2012, uno dei suoi obiettivi era quello di eliminare la manipolazione dei motori di ricerca attraverso i backlinks.

Google ha deciso di eliminare i vantaggi derivanti da collegamenti innaturali, vale a dire quelli che sono stati collocati esclusivamente per scopi di ottimizzazione sui motori di ricerca, spesso su siti di scarsa qualità, solo per migliorare il posizionamento nelle ricerche.

Poiché i SEO avevano usato questa pratica per lungo tempo ed i loro clienti avevano beneficiato di ciò, è stato un risveglio rudimentale per molti siti, una vera e propria caccia alle streghe.

disavow tool rifiuta links innaturali

disavow tool rifiuta links innaturali

Da allora, i SEO hanno avuto due scelte per ripulire i siti dei propri clienti velocemente dai backlinks inopinatamente acquisiti in precedenza al fine di evitare penalizzazioni: rimuovere manualmente i link innaturali, oppure disattivarli.

Ora che ci siamo abituati al Penguin ed abbiamo avuto modo di conoscerlo per bene sotto tutti gli aspetti e le sue conseguenze sulla SEO, è tempo di affrontare la questione di quale sia l’approccio migliore per eliminare i backlinks innaturali.

Rimozione manuale dei links innaturali

Ci sono una serie di opzioni che si possono utilizzare per rimuovere i collegamenti. Ecco i tre metodi principali:

Rimuovere manualmente il collegamento contattando il sito dove è contenuto chiedendo loro di toglierlo. Questo è un processo intensivo e non sempre si riceve risposta . Potrebbe essere necessario inviare decine di email e può facilmente capitare che si perda traccia di qualche link.

Trattandosi di cybercrime, in quanto crimine informatico, il nostro cyber law expert può diffidare il proprietario del sito o directory responsabile della seo negativa e conseguente danno al posizionamento sul motore di ricerca.

Rimuovere la pagina del proprio sito dove puntano i backlinks innaturali. Risulterà un 404 che non penalizzerà in alcun modo il sito.

Far aggiungere un tag “rel = nofollow” ai collegamenti innaturali, come suggerito da Google stesso. In questo modo non è necessario rimuovere le pagine del tuo sito, ma Google non prenderà in considerazione i backlinks innaturali. Anche in questo caso però la prassi è la stessa della rimozione del link e prevede di contattare tutti i proprietari dei siti web dove sono stati inseriti i collegamenti.

Disavow dei backlinks in Google Search Console

Rifiutare (disavow) i collegamenti innaturali o links tossici è come chiedere a Google di non tenerne conto. Si tratta di un processo abbastanza semplice grazie allo strumento di disattivazione (il Disavow Tool) in Google Search Console, dove basta caricare tutti i collegamenti che si desidera rifiutare e Google aggiungerà essenzialmente un “rel = nofollow” invisibile a tali link.

rinnega link disavow

disavow tool

Possono essere inclusi nel file anche dei commenti sui link che si sta eliminando utilizzando il carattere #. Ciò può anche aiutare a ricordare quali link sono stati già rimossi. Google Search Console può aiutare anche ad individuare anche i link considerati spam, in modo da non provare a farlo a memoria o peggio ancora a caso.

Gli svantaggi del disavow tool di google

Il Disavow Tool può sembrare il metodo più semplice e sicuro, ma ci sono molti SEO che sono scettici nei confronti di questo strumento: è Google stesso infatti ad ammettere che il rinnegare un link è un “forte suggerimento” piuttosto che una direttiva ed il motore di ricerca si riserva il diritto di ignorare il suggerimento.

Alcuni SEO pensano anche che Google utilizzi lo strumento di disapprovazione dei link come un mezzo per raccogliere informazioni su siti spam. A causa di questo, i proprietari dei siti che hanno inserito i link sono generalmente “spaventati” dall’idea di essere colpiti con un “disavow” e preferirebbero rimuovere il link piuttosto che coinvolgere Google.

google disavow tool

google disavow tool

Se si ha difficoltà ad ottenere una rimozione spontanea, la minaccia di utilizzare lo strumento di disapprovazione dei link potrebbe essere d’aiuto…

Google suggerisce di cercare di rimuovere i link da soli prima di ricorrere al webmaster tools di Google. Dovresti usare il disavow o la rimozione ? La scelta più sicura sembra essere quella di provare prima la rimozione.

Se puoi farlo senza coinvolgere Google, allora è meglio. Ma questo non sarà possibile per ogni sito (non è raro trovare webmaster o blogger scarsamente collaborativi) e lo strumento di disapprovazione è un buon rimedio per coloro che hanno speso tempo nel tentativo di rimozione ma non hanno ottenuto i risultati desiderati.


Chiarimenti e info :

The following two tabs change content below.
Luca Siano

Luca Siano

seo webwriter, consulente informatico per web developing & web marketing