Seo negativa, backlink tossici e zombie network

Seo negativa, backlink tossici e zombie network

11 maggio 2018 5 Di Gabriele Li Mandri

Negative SEO: Link Building negativa

I motori di ricerca hanno rivoluzionato il modo di fare promozione: il web marketing, infatti, rappresenta oggi uno strumento fondamentale per le aziende che decidono di espandere il proprio business sul web.

Merito del SEO (Search Engine Optimization): ovvero dell’insieme di strategie che mirano a far salire il ranking di un sito web su Google e sugli altri search engine, così da fargli scalare posizioni su posizioni all’interno della SERP.

Eppure, questo insieme di strategie nasconde anche un lato oscuro: tecniche SEO come la link building, infatti, possono essere sfruttate per attaccare dall’esterno un sito concorrente e per abbatterne il ranking. Quando ciò accade, si parla di Negative SEO e di Link Building negativa.

Link Building: cos’è e come funziona?

Prima di capire cos’è la Link Building negativa, occorre capire in poche parole come funziona quella positiva. Di fatto, Google aumenta il posizionamento dei siti verso i quali puntano i cosiddetti inbound link (link in ingresso): la presenza di questi link all’interno di altri portali presenti in rete, comunica a Google che il sito “puntato” è un sito di qualità, in quanto nel tempo si è meritato numerose citazioni.

Ebbene, questa tecnica di posizionamento oggi rappresenta una delle strategie più efficaci, ma anche una delle più abusate: molti portali acquistano i suddetti link (spesso tramite agenzie specializzate) e creano dei veri e propri network di siti “contenitori” che hanno il solo scopo di aumentare il ranking del sito “cliente”.

link building negativa

link building negativa

Le agenzie SEO migliori rimangono borderline e fanno questa operazione sfruttando siti reali, e mantenendosi coerenti con le linee guida di Google: le peggiori, invece, causano danni incalcolabili con siti creati ad hoc.

Quando questo succede, Google attiva un algoritmo noto come Google Penguin, che individua i link sospetti e piazza in black list i siti appartenenti a quel network: i suddetti portali vengono bannati, ed il sito verso il quale puntano gli inbound link penalizzato. Questa è una pratica nota come Black SEO, ed è sostanzialmente alla base della Negative SEO.

Cos’è la Negative SEO e come funziona?

Quando un sito viene penalizzato per via delle strategie di Black SEO, ciò accade per colpa sua e per via delle sue strategie non consentite da Google.

Ma le logiche della Black SEO possono colpire anche i siti innocenti, quando qualcuno le sfrutta per fare un danno ad un portale concorrente: in questo caso, si parla di Negative SEO.

black seo

black seo

E dato che una delle tecniche di posizionamento più efficaci è proprio la link building, ecco che la link building negativa diventa – di riflesso – anche una delle strategie più pericolose della SEO negativa.

In sostanza, un sito concorrente potrebbe abbattere il posizionamento di un sito che lo precede piazzando numerosi inbound link in portali appartenenti a network bannati da Google: in questo modo, il motore di ricerca avverte la “puzza” immediatamente e affossa il ranking del sito verso il quale puntano i suddetti link, detti anche link tossici.

Link tossici e Zombie Network: un approfondimento

Chi fa Negative SEO acquista solitamente una serie di domini in black list, che in passato si sono macchiati di Black SEO, e che con il passare del tempo sono scaduti.

Questo serve alla creazione di uno Zombie Network: ovvero di un insieme di siti che vengono utilizzati per fare una link building negativa massiccia.

Sui suddetti portali vengono installati forum o pagine di pessima qualità, che adottano sfacciatamente ogni tecnica di Black SEO possibile (compresi gli inbound link), e che hanno lo scopo di comunicare a Google la presenza di un portale che si sta macchiando di tecniche di posizionamento illegali.

Di conseguenza, Google intercetta il destinatario dei link e lo penalizza, facendolo scomparire dai risultati organici delle sue pagine di ricerca.


Chiarimenti e info :

The following two tabs change content below.
Gabriele Li Mandri

Gabriele Li Mandri

Gabriele Li Mandri ✓SEO Copywriter ✓Ghostwriter ✓Proofreader ✓Traduttore
Gabriele Li Mandri

Ultimi post di Gabriele Li Mandri (vedi tutti)